Lucio Aimasso e La notte in cui suonò Sven Väth: tra musica techno e follia

Non ho mai amato il mondo delle discoteche e non l’ho mai nemmeno frequentato perché ho sempre odiato la musica techno e i luoghi piuttosto compressi e capaci di alterare la percezione della realtà.

Probabilmente è tutta colpa della mia eccessiva necessità di avere sempre tutte le situazioni sotto controllo o più semplicemente è dovuto alle atipiche compagnie che ho sempre frequentato.

Lucio Aimasso e il mondo della techno

 

Eppure Lucio Aimasso, con il suo La notte in cui suonò Sven Väth, è stato capace di catapultarmi in un mondo lontanissimo da me e in una dimensione parallela, nella quale sembrano contare solo lo sballo e l’autodistruzione o meglio, questo è quello che sembra voler fare Federico Morelli, il protagonista di questo libro, della sua stessa vita.

La notte in cui suonò Sven Väth: la trama

Quella narrata ne La notte in cui suonò Sven Väth è infatti la storia di Federico Morelli – detto il Moro -: un sedicenne di famiglia borghese e benestante che però rifiuta tali canoni e preferisce vivere da selvaggio, provocando così l’ira funesta di suo padre e la totale indifferenza di sua madre.

Per suo padre, il Moro, è infatti un vero e proprio fallito e un disadattato cronico soprattutto dopo l’ennesima bocciatura scolastica e proprio per questo motivo, sembra meritare tutto l’odio, la violenza e il disprezzo da parte dell’uomo che lo ha generato e che un tempo era un vero e proprio eroe per suo figlio ma che oggi, rappresenta invece un vero e proprio ostacolo alla sua libertà personale.

Eppure nonostante Federico Morelli sembra vivere alla continua ricerca dello sballo attraverso il sesso, l’alcool, la droga, le discoteche e le scorribande notturne con la sua fedele compagnia, pare nascondere una profonda maturità, una grande sensibilità e un irrefrenabile bisogno di aiuto.

 

Se qualcuno si fosse mai preso il disturbo di chiedermelo, avrei risposto che mi piacciono le stazioni, l’odore del legno, le lentiggini, quando ridi o quando piangi e non sai perché, la techno, le ragazze con i capelli rossi, l’MD, vomitare le budella, non arrivare a trent’anni, le tette di Viviana, i kebab di Mohammed, il vecchio campetto, l’ora prima dell’alba, quella canzone che non ricordo.

 

Il Moro pare infatti eludere le regole, sfidare i propri limiti e autodistruggersi con l’unico intento di attirare l’attenzione di chi realmente dovrebbe tendergli una mano: l’unica capace di redimerlo e la sola che Federico desidera, ovvero quella di suo padre.

A Federico Morelli e alla sua compagnia, servirà proprio un risvolto piuttosto tragico e doloroso per spezzare quella sorta di routine selvaggia e incontrollata e per dimostrare loro che forse un’altra strada è davvero possibile: bisogna solo avere il coraggio e la forza d’animo per intraprenderla.

Lucio Aimasso e La notte in cui suonò Sven Väth

Ne La notte in cui suonò Sven Väth, l’autore Lucio Aimasso, narra una storia forte e dolorosa, che non deve mai essere giudicata bensì dev’essere letta e in qualche modo somatizzata, anche quando l’atteggiamento di Federico Morelli provocherà nel lettore quel fastidioso senso di disagio e di impotenza ma allo stesso tempo, non dev’essere nemmeno giustificata bensì dev’essere presa per ciò che realmente è: una storia come tante altre, che parla di vuoti interiori e della necessità di colmarli a qualsiasi costo ma soprattutto è una storia di speranza e di redenzione che ci ricorda che l’adolescenza è unica proprio perché poi si cresce.

La notte in cui suonò Sven Väth, Lucio Aimasso, CasaSirio Editore, 2017 pp.303.

 

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *