Il romanzo dell’anno di Giorgio Biferali: scrivere d’amore senza banalità

Giorgio Biferali

Se è vero che nei libri e, in generale, nella letteratura, tutto è stato già detto o scritto, è pur vero che, oggi, a fare la differenza è il modo in cui qualcosa la si dice, o meglio, la si scrive.

Confesso che è stata questa la prima cosa che ho pensato appena terminata la lettura del nuovo libro di Giorgio Biferali – di cui avevo particolarmente apprezzato il libro precedente – e non tanto per il libro in sé, per la trama o per il linguaggio utilizzato bensì per via del deus ex machina al quale l’autore ricorre poco prima dell’epilogo e che ribalta totalmente la storia, la prospettiva ma soprattutto il lettore.

Ecco, sono questi gli espedienti narrativi che mi fanno ancora provare una certa fiducia nella letteratura e che mi ricordano che, nonostante tutto, esistono ancora modalità e formule per stupire il lettore e senza dover necessariamente ricorrere a particolari artifici che poi, nella maggior parte dei casi, non sono nemmeno credibili e non stanno in piedi.

Il romanzo dell’anno: la trama

Quella narrata ne Il romanzo dell’anno è una storia come tante, semplice e apparentemente già letta e riletta altrove e che, purtroppo, mica capita solo nei libri o nei film: c’è, infatti, una coppia che litiga la notte di Capodanno, lei corre via a bordo del suo motorino, scivola sui sanpietrini di Roma e finisce in coma e lui, ovviamente, si sente maledettamente in colpa e non sa darsi pace per l’accaduto.

E mentre Livia – questo è il nome della ragazza protagonista del nuovo romanzo di Giorgio Biferali – è in coma e lotta tra la vita e la morte, il suo fidanzato Niccolò – che di professione cerca di far ridere la gente organizzando i palinsesti comici di un’emittente televisiva -, durante le sue lunghe visite in ospedale, inizia a scrivere delle lettere d’amore per Livia, nel quale racconta tutto quello che sta accadendo nel mondo reale: scrive storie di cronaca, di attualità ma soprattutto racconta del loro amore, ripercorrendo la loro storia: dal primo incontro sino al momento tragico dell’incidente.

Da quando ti ho conosciuto, non mi è mai passata la voglia di raccontarti le cose. Anzi, a volte ho pensato che le cose esistessero proprio per questo, perché io potessi raccontarle a te. E adesso? Come faccio? Nel mondo, per me, ci sei sempre stata tu da una parte, le cose che vedo senza di te e mi viene subito l’istinto di chiamarti o di scriverti per chiederti Amore, posso chiamarti?

pp.40

Inizia così un lento ma inesorabile tuffo nel passato e nei ricordi che getta, Niccolò, letteralmente nell’abisso, a tal punto da essere, addirittura, momentaneamente allontanato dal suo lavoro, per aver inserito nel palinsesto film tristissimi e per avere sempre quell’aria da cane bastonato e inavvicinabile.

Ma l’ospedale è un luogo in cui non si capisce nulla, è un luogo in cui si aspetta, è un luogo in cui chi aspetta non sa che fare, perché forse in fondo ha capito che fino a quel momento sapeva davvero cosa volesse dire aspettare, e ha la stessa faccia di uno studente che ha paura di essere interrogato.

pp.47

Ripercorrere una storia d’amore quando uno dei due partner è in pericolo di vita, risulta un processo doloroso e che permette di far risalire tutto a galla – momenti belli e brutti – esattamente come se fosse magma incandescente e inarrestabile soprattutto se ci si sente in colpa per il litigio, per la fuga e per le tristi conseguenze.

Giorgio Biferali
Giorgio Biferali

E ci vuole estremo coraggio e una dose sconfinata di speranza a fare quello che ora sta facendo Niccolò: trascorrere del tempo accanto alla propria ragazza, distesa immobile in un letto d’ospedale come la più bella tra le statue e continuare a parlarle, a leggerle delle storie e a scrivere delle lettere che potrà leggere una volta sveglia, sempre più convinto e sicuro che Livia uscirà da quello stato e ritornerà alla sua solita vitalità, alle sue passioni o più semplicemente alla vita.

… le parole hanno bisogno di altri occhi per crescere e diventare forti.

pp.124

E così mentre Livia è in coma e Niccolò vive una vita a metà, Giorgio Biferali – poco prima della fine del libro – rimescola tutte le carte in tavola, ribalta la storia, le prospettive e destabilizza il lettore, costringendolo, addirittura, a fare qualche passo indietro tra le pagine, per riacciuffare la storia e per far confluire le innumerevoli domande.

Gli interrogativi che sgorgano dopo aver terminato la lettura de Il romanzo dell’anno sono tanti, esattamente come lo sono i dubbi che, in questo caso, hanno direttamente a che vedere con la vita e con la morte ma soprattutto con il filo sottile che le divide.

Stare con te è come stare con me stesso quando sono di buon umore.

pp.110

Leggendo Il romanzo dell’anno di Giorgio Biferali risulta praticamente impossibile non immedesimarsi nella storia narrata, arrivando addirittura a provare un senso di vertigine e di smarrimento al solo pensiero di vivere quello che sta vivendo Niccolò, che veglia amorevolmente sul sonno di Livia e sottolinea tutta la bravura e l’autenticità di questo giovane scrittore romano che risulta essere, ancora una volta, una delle migliori penne millenials nostrane.

Il romanzo dell’anno, Giorgio Biferali, La nave di Teseo, 2019 pp. 219.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *