Shotgun Lovesongs: l’esordio di Nickolas Butler tra amore e amicizia

Shotgun Lovesong

Se Shotgun Lovesongs fosse una birra di sicuro sarebbe una Sierra Nevada Pale Ale con il suo colore leggermente ambrato e quell’aroma inconfondibile di luppolo grezzo.

Shotgun Lovesongs

Se Shotgun Lovesongs fosse, invece, una canzone di sicuro sarebbe GoinHome di Dan Auerbach ma Shotgun Lovesongs è semplicemente un libro e mi è piaciuto così tanto, a tal punto da commuovermi.

Sarà che spesso mi diverto ad associare le mie letture a qualcosa che con il mondo dei libri centra poco o nulla, il tutto per rendere le immagini e le sensazioni molto più efficaci ma sia la Sierra Nevada Pale Ale e sia Dan Auerbach hanno poco a che vedere con l’opera d’esordio di Nickolas Butler, poiché la prima viene prodotta in California mentre il secondo proviene, invece, dall’Ohio ed entrambi gli stati non mi sembrano poi cosi vicini al Wisconsin.

Shotgun Lovesongs: un libro bellissimo, soffice e avvolgente

Effettivamente non riesco a comprendere bene la natura distorta di queste mie immagini mentali, quello che, però, posso garantirvi è che Shotgun Lovesongs è un libro bellissimo, piuttosto soffice, caldo e avvolgente, di cui mi sono follemente invaghita dal primo momento che ne ho visto la splendida copertina e ne ho letto il titolo, lasciato volutamente uguale a quello originale.

Forse perché Shotgun Lovesongs restituisce un’ambientazione americana piuttosto inedita e lontana da quella usuale, personalmente non conosco molti romanzi ambientati in Wisconsin destinati ad un pubblico diverso da quello nazionale.

Shotgun Lovesongs

A Little Wing, – piccola cittadina immaginaria del Wisconsin dov’è ambientato il libro – il tempo sembra, infatti, essersi fermato nonostante il mutare delle stagioni e la tenacia dei suoi abitanti: gente umile, semplice, di buona compagnia e profondamente legata ai propri affetti.

Shotgun Lovesongs: una storia d’amore, di amicizia e di radici

Quella narrata da Nickolas Butler in Shotgun Lovesongs è la storia di Henry, Lee, Kip e Ronn, amici sin dall’infanzia con un passato in comune, un presente differente e un futuro ancora tutto da scrivere che si ritrovano nella cittadina d’origine in occasione del matrimonio di uno di loro.

E poco importa se nel frattempo Henry sia rimasto a Little Wing per fare l’agricoltore e per crearsi una splendida famiglia; che Kip – accecato dai soldi e dal mondo della finanza – sia diventato un po’ troppo cinico e calcolatore; che Ronny – ex-star del rodeo – abbia messo in serio pericolo la sua vita per colpa dell’alcool o che Lee sia diventato un musicista di successo, amato e adorato in tutto il pianeta, ciò che conta è che ora sono di nuovo tutti insieme come ai vecchi tempi.

Shotgun Lovesongs

Peccato però che all’improvviso come una pioggia in piena estate – fra di loro s’insinuerà un piccolo grande segreto inconfessabile che rischierà di distruggere un matrimonio praticamente invidiabile e un’ amicizia a dir poco perfetta.

Shotgun Lovesongs è un romanzo corale in cui le voci dei quattro protagonisti – sommate a quella di Beth, la moglie di uno di loro – si alternano e si sovrappongono, dando vita ad un libro che ha il sapore delle cose buone e che sembra stato scritto cinquant’anni fa, ovvero quando i vecchi valori di un tempo come l’amore, l’amicizia o la famiglia avevano ancora un senso tutto loro.

Shotgun Lovesongs è, infatti, un libro sull’importanza delle proprie radici e sulla necessità di avere un riparo sicuro dal resto del mondo dove ritrovare se stessi o più semplicemente dove accorre per leccare e per curare le proprie ferite.

Shotgun Lovesongs è il romanzo d’esordio di Nickolas Butlerautore nato in Pennsylvania ma cresciuto in Wisconsin – che per il personaggio di Lee ha tratto ispirazione da Justin Vernon, leader dei Bon Iver e suo amico fraterno.

Shotgun Lovesongs

Nickolas Butler

Quella narrata da Nickolas Butler è una storia che, una volta terminata, lascia una strana sensazione addosso poiché girata l’ultima pagina, lascia quasi sospesi a mezz’aria per un lasso di tempo più o meno variabile, subito dopo permette di avvertire solo il silenzio e uno strano svuotamento nell’anima e infine sopraggiungerà l’assenza quasi fisica e un desiderio folle di arrivare fino in Wisconsin per conoscere questo gruppo di amici affiatatissimi e sorseggiare con loro una bella birra ghiacciata.

Shotgun Lovesongs, Nickolas Butler, Marsilio, 2014 pp. 317. Traduzione Claudia Durastanti.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *