Paolo Ciampi e il suo speciale omaggio a George Perkins Marsh

paolo ciampi

I libri come L’ ambasciatore delle foreste dovrebbero avere solo un grande ruolo, oltre a raccontare la storia di un grande uomo che ha fatto moltissimo per l’ambiente, ovvero: ricordarci dove stiamo andando e cosa stiamo effettivamente facendo per salvare l’ambiente ma soprattutto noi stessi e la società?

Sono state, infatti, queste le due domande che mi sono posta durante la lettura di questo libro che narra della vita di George Perkins Marsh ovvero il primo ambasciatore in Italia degli Stati Uniti che, da intellettuale autodidatta, inizia ad occuparsi di ecologia quando questo termine doveva essere ancora coniato.

Questo è il bello, quando pedini la vita di un uomo che appartiene a un’altra epoca. Puoi entrare dentro quella vita e allo stesso tempo guardare da fuori. Sei nel tuo presente e insieme lo osservi dal futuro. Dal punto di vista di ciò che è stato dopo.

pp.12

Un uomo come tanti che da Woodstock, un piccolo villaggio rurale del Vermont, diventa ambasciatore, intellettuale ed ecologista, contando solo sulla propria persona, sulla propria volontà e su quella libreria che funge da vera e propria scuola e nella quale, sin dall’età di cinque anni, divora libri su libri, senza distinguere il giorno dalla notte, imparando molte lingue e coltivando una smisurata passione per la natura, per la pace e per l’ozio.

Veduta di Woodstock (VT)

Grazie al profondo amore per i libri e per la cultura, sommati alla sua implacabile curiosità e alle molteplici passioni coltivate, si avvicina alla carriera politica e inizia a viaggiare molto, ampliando così le proprie vedute e osservando il mondo sotto molteplici punti di vista.

… i viaggi aprono varchi verso ciò che è possibile diventare.

pp.51

Il suo percorso diplomatico lo porta, infatti, a stabilirsi temporaneamente in diverse sedi, tra cui l’Italia: meta prediletta e nella quale deciderà di stabilirsi in modo definitivo e con la quale stringerà un rapporto di passione bruciante e nella quale trascorrerà tutto il resto della sua esistenza.

George Perkins Marsh

Paolo Ciampi attraverso questo suo L’ ambasciatore delle foreste omaggia la vita di George Perkins Marsh e ripercorre il suo peregrinare dalle foreste del New England sino a quelle dell’Appennino italiano e il suo interessamento nasce dopo aver ricevuto in regalo da un collega un libro che parla proprio di questo ambasciatore, che depone in un cassetto e che riprende in mano solo dieci anni dopo, rimanendo letteralmente folgorato dalla vita di questo singolare personaggio.

L’ ambasciatore delle foreste è infatti il personale omaggio che Paolo Ciampi fa a George Perkins Marsh e che, oltre a ripercorrere la vita, gli spostamenti e l’operato di questo uomo grandioso, diventa anche un viaggio intorno alla natura e offre uno sguardo inedito sull’ambiente, sugli alberi, sugli animali ma soprattutto sulla società stessa.

La natura senza uomo non è perfetta, la natura con l’uomo spesso si fa disastro: e regolarmente il vero pericolo non è il nomade, il barbaro con le sue tende fuori della città, ma il sedentario, il civilizzato.

pp. 147

Di questo libro mi ha particolarmente colpito la vita di George Perkins Marsh che ha fatto dei libri, della cultura, dello studio e dell’amore verso la natura la sua ragione di vita e in particolar modo, ho apprezzato la sua immensa dedizione e il suo attaccamento alle cose nelle quali credeva e che difendeva con tutto se stesso.

Inoltre, a Paolo Ciampi va il merito di averci permesso di conoscere un personaggio altrimenti poco noto, nonostante il suo impegno e il suo operato, e dalle pagine de L’ ambasciatore delle foreste, si denota tutta la passione e la dedizione impiegata nello stilare questo personale e originale omaggio che, soprattutto nelle prime pagine, mi ha permesso di respirare quel puro spirito americano fatto di libertà e di ideali e che sicuramente, appena mi ritroverò a camminare per i boschi, mi offrirà una nuova visuale. 

L’ ambasciatore delle foreste, Paolo Ciampi, Arkadia, 2019 pp.155.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *